Contrinex annuncia una collaborazione con Molex, un fornitore globale di connettività dei dispositivi che offre soluzioni end-to-end per l’automazione industriale. Con la crescente domanda di integrazione dei dati dei sensori in applicazioni di livello superiore e basate su cloud, questa collaborazione rafforza ulteriormente l’offerta di soluzioni Industrial Internet of Things (IIoT) di Contrinex. Conferma inoltre la posizione dell’azienda come fornitore chiave di sensori per applicazioni complesse e avanzate.

Attraverso una nuova collaborazione con Molex, l’ampia gamma di sensori induttivi e fotoelettrici di Contrinex, la maggior parte dei quali dotati di un potente ASIC per distanze operative di prima classe e lunga vita del sensore, sono ora direttamente disponibili per i progettisti di prodotti che operano a tutti i livelli della produzione intelligente in tutto il mondo.
Le competenze e le soluzioni ingegneristiche completamente integrate di Molex aiutano i clienti a sfruttare i vantaggi di Industry 4.0 per macchine e piattaforme di rete con comunicazioni integrate dalla tecnologia operativa al livello IT.

Avere dei sensori aggiunti al nostro portafoglio ci consentirà di creare più valore per i nostri clienti fornendo una soluzione integrata con le competenze di Molex e Contrinex, ha affermato Riky Comini, direttore dell’automazione industriale di Molex. “Offrendo una soluzione end-to-end, aggiungiamo valore ai nostri clienti, aiutandoli a ripensare i modelli di business tradizionali e raggiungere i loro obiettivi di trasformazione digitale”.

Per ambienti difficili, il portfolio include prodotti con classificazione IP67, 68 e 69K e conformità Ecolab. La gamma induttiva presenta anche dispositivi eccezionalmente robusti in alloggiamenti in acciaio inossidabile in un unico pezzo, alcuni con resistenza all’acqua salata e altri con immunità ai campi di saldatura. L’ampia gamma di sensori fotoelettrici comprende sensori per oggetti trasparenti, con tecnologia UV brevettata, e sensori di colori e di contrasto. Quando lo spazio è limitato, Molex è in grado di fornire un’ampia scelta di dispositivi autonomi in miniatura di diametro di soli 3 mm (induttivo) o 4 mm (fotoelettrico). Come la maggior parte dei sensori nel portafoglio, questi piccoli dispositivi dispongono anche di un’interfaccia IO-Link integrata per l’acquisizione, la regolazione e il monitoraggio remoto del sensore . Attraverso l’interfaccia IO-Link, i dati del processo e dell’uscita del sensore possono essere integrati senza problemi in un’architettura IoT per il monitoraggio e la diagnosi continui.

Contrinex è entusiasta di collaborare con Molex e di integrare i nostri sensori induttivi e sensori fotoelettrici nei dispositivi industriali Molex”, ha dichiarato Annette Heimlicher, CEO di Contrinex. “Molex offre competenze leader nel settore e relazioni con i clienti di lunga data e, insieme, aiuteremo i clienti a trovare soluzioni ottimali per tutti i problemi di rilevamento.”